Klinika Svjetlost

Grazie. La Sua richiesta é stata accettata. La contatteremo a breve.

Prenotate la visita online

PRIVOLA za obradu osobnih podataka u svrhu naručivanja:

Le prenotazioni per le visite

Službenik za zaštitu osobnih podataka


voditelj@svjetlost.hr

Blog

Hai meno di 35 anni, la diottria è in continua evoluzione e non può raggiungere l'acuità visiva che aveva prima?

Hai meno di 35 anni, la diottria è in continua evoluzione e non può raggiungere l'acuità visiva che aveva prima?
In cheratocono la cornea si affina in avanti come una tenda, viene deviata e attenuata come un palloncino gonfiato. A un certo punto, il palloncino può scoppiare. Tuttavia, le fessure nella cornea sono di micro dimensioni e si chiudono immediatamente, ma a quel punto rimane una cicatrice. Con costante ripetizione di questo processo le cicatrici si accumulano e ingrassano che portano ad un significativo indebolimento della vista.
Vi succede il dichiarato? Assicuratevi di contattarci per una visita da un oculista perché si può trattare di un cheratocono!
 
Il Cheratocono è una deformazione progressiva della cornea che può apparire nei bambini. Il sintomo più comune è frequenti cambiamenti di occhiali o lenti a contatto perché cade l’acuità visiva. Nella fase iniziale principalmente con il cambiamento della correzione precedente viene raggiunta la massima visione. Tuttavia, con la progressione della malattia, la cornea viene sempre più deformata, e il cambiamento di dispositivi ottici non produce l'acuità visiva desiderata. Questo è il motivo principale per cui i pazienti sono riferiti al trattamento oftalmico dettagliato. Il cheratocono può essere rilevato anche per caso, quando un paziente viene a a fare i test per la correzione laser e in quel caso, certamente non’é un candidato per tale procedura. La cornea influenzata da cheratocono è sottile, irregolare e quindi non adatta per il trattamento laser perché con il trattamento laser si assottiglia ulteriormente con tutte le conseguenze che ciò comporta. 

Cosa succede esattamente con il cheratocono?

Si ritiene che i pazienti con cheratocono hanno già dalla nascita la cornea più morbida, cio'è che la connessione proteina, collagene con loro é debole e in numero minore. Tale cornea, che è soggetto di deformazione può essere aumentata a causa del costante strofinamento durante le allergie oculari, ed a causa di lunghi periodi di indosamento di lenti a contatto duri e semiduri. Una cornea sana è trasparente, ha la durezza adeguata e la forma di un mezzo pallone da calcio. In cheratocono la cornea si affina in avanti come una tenda, viene deviata e attenuata come un palloncino gonfiato. A un certo punto, il palloncino può scoppiare. Tuttavia, le fessure nella cornea sono di micro dimensioni e si chiudono immediatamente, ma a quel punto rimane una cicatrice. Con costante ripetizione di questo processo le cicatrici si accumulano e ingrassano che portano ad un significativo indebolimento della vista. Questi pazienti hanno un'immagine molto distorta dell'oggetto osservato. Il risultato finale può essere un innesto o trapianto della cornea, dove la cornea deformata viene sostituita con una nuova cornea sana.
  

Chi è più frequentemente malato?

In una certa percentuale il cheratocono è ereditabile, ma in molti casi è la prima apparizione della malattia in famiglia. Anche se a lungo negato, le statistiche hanno dimostrato che gli uomini sono molto più comuni come pazienti di sesso femminile. Il cheratocono è una malattia che appare nelle persone molto giovani e giovanili. Di solito si avanza velocemente entro la età di 25 anni, un po 'più lentamente entro i 35 anni, ma dopo l'età di 40 di solito si ferma completamente.


Che cos'è cross linking e come viene eseguito?L’anno 1998. è una inversione nel trattamento del cheratocono. In quel periodo comincia l'applicazione di collagene metodo reticolazione al protocollo Dresden, nel tentativo di rallentare la progressione del cheratocono, e forse sospendere in modo permanente. Non si tratta di una procedura chirurgica ma di una semplice procedura che viene eseguita in un collirio anestetico locale. Sulla cornea preparata vengono gocciate alte dosi di vitamina B2. Si tratta di un liquido giallo-verde che viene indicato come riboflavina. Si aggiunge ogni 3 minuti per mezz'ora. Poi la cornea viene irradiata con la lampada UVA per un'altra mezz'ora. Il composto delle radiazioni e vitamina B2 (riboflavina) porta ad una reazione chimica che aumenta le connessioni collagene e quindi rafforza la cornea. Il recupero è relativamente veloce, in modo che il paziente al più presto possibile può tornare alle Sue attività quotidiane. Nonostante l'emerge di nuovi, modificati protocolli, il protocollo di Dresden rapresenta il gold standard ed e metodo più usato nel mondo di Cross linking, cio'è stabilizzazione dell cheratocono.
 
Con il Cross linking si prova a mantenere la situazione esistente sulla cornea, e spesso si vedono miglioramenti sia su la forma della cornea, nonché dell'acuità visiva. Dopo la procedura il paziente continua a portare le lenti a contatto o occhiali come prima. Cross linking è proporzionale al crescente ottimismo, e in molti pazienti di clinica oculistica Svjetlost ha ridotto la necessità di trapianti di cornea e di fornire viste più luminose per il futuro!

dott. Morena Gavrić, specialista oftalmologo-glaucomatologo-contattologo
Dott.ssa Morena Gavrić

Autor: Dott.ssa Morena Gavrić

Specialista per il glaucoma

PRIVOLA za obradu osobnih podataka u svrhu naručivanja: