Klinika Svjetlost

Grazie. La Sua richiesta é stata accettata. La contatteremo a breve.

Prenotate la visita online

CONSENTE per il trattamento dei dati personali per scopo di ricevere informazioni, offerte, risultati tecnologici e novità dalla Clinica Svjetlost:

Le prenotazioni per le visite

L impiegato responsabile della protezione dei dati personali:


voditelj@svjetlost.hr

Blog

​La paura ha occhi grandi

​La paura ha occhi grandi
Perché apriamo gli occhi più forte quando abbiamo paura?
C'è una fobia da guardare?
Qual è il nome della paura del contatto visivo?
Perché apriamo gli occhi più forte quando abbiamo paura?
C'è una fobia da guardare?
Qual è il nome della paura del contatto visivo?

Immagina la situazione, parlando con la persona che all'improvviso si è zittita, poi ha spalancato gli occhi e guardato dietro di te. Quale sarà la tua reazione? Sicuramente, girerai la testa indietro per scoprire cosa le ha causato uno sguardo così sorpreso.

Daniel Lee, il studente dell'Università di Toronto, ha analizzato perché quando abbiamo paura apriamo  gli occhi così tanto che le nostre sopracciglia raggiungono il soffitto? Forse questo tipo di espressione facciale e l'aspetto degli occhi migliora la nostra vista?
Secondo lo studio di Daniel Lee e Anam Anderson, conclusione è che - quando abbiamo paura, i nostri occhi si aprono più del normale, ampliando così il nostro campo visivo. È un meccanismo di difesa per rilevare meglio le cose che ci circondano, identificare meglio i potenziali pericoli e proteggerci in modo tempestivo. Inoltre, le pupille sono dilatate in modo tale che la maggior parte della luce e delle informazioni provenienti dal mondo esterno possano essere viste dai nostri occhi.
E come evidenziato nella nostra situazione immaginata, come evidenziato dallo studio, questa reazione non solo ci consente di valutare meglio l'ambiente, ma serve anche come avvertimento per quelli nel nostro ambiente. Quindi si tratta anche di comunicazione sociale.


Che dire della paura del contatto visivo diretto?

Potresti essere stato in grado di parlare con persone che difficilmente o mai stabiliscono un contatto visivo, chiudono un occhio e, quando ti guardano, preferiscono la parte inferiore del viso, ma non solo direttamente agli occhi.
La prima cosa che ci viene in mente è che sono timidi e alcuni penserebbero anche alle persone non colte. Questo comportamento può segnalare il tipo di fobia, il cosiddetto omatofobia. La fobia è la paura di un oggetto vivente o inanimato che non ha spiegazioni razionali, come la paura di un ragno. Secondo quanto riferito, le persone che soffrono di omatofobia hanno assistito a traumi dell'occhio e spesso la fobia è associata solo a un determinato colore degli occhi.
Quando si tratta di paure legate agli occhi, vale anche la pena menzionare l'optofobia, che in greco significa paura di vedere. Le persone che soffrono di questo disturbo hanno la paura patologica di aprire gli occhi nei momenti cruciali. Questa risposta può anche essere una buona soluzione in determinate circostanze, come quando guardiamo un film dell'orrore quando abbiamo paura e chiudiamo gli occhi in modo che non vedano cosa accadrà. Ma ci sono altre situazioni in cui chiudere gli occhi non risolverà il nostro problema. Questo comportamento si verifica negli struzzi, quando si dirigono nella sabbia quando sono in pericolo.

Alla fine, è vero che gli occhi sono uno specchio dell'anima e, insieme alla muscolatura mimica, mostrano chiaramente le emozioni senza che la persona pronunci una sola parola. Nel loro lavoro quotidiano con i pazienti, i medici hanno imparato da tempo a riconoscere i pazienti che hanno paura, sia per il loro modo specifico di camminare, per la postura del loro corpo, sia per l'espressione dei loro occhi.
Dai miei anni di esperienza, ho notato che la paura della perdita della vista è una delle più grandi paure che una persona possa sperimentare. Questa paura non è essenzialmente un evento negativo, ma molto spesso un buon alleato che ci porta rapidamente all'ordinazione di oftalmologia. Con gli occhi, così come con la nostra salute generale, dovremmo agire in modo responsabile e se notiamo cambiamenti dubbi dovremmo visitare un medico. La salute è la cosa più preziosa che abbiamo e il senso della vista è uno dei più grandi doni. Teniamoli come occhi nelle nostre teste!

Dott. Mirko Ratković
 

CONSENTE per il trattamento dei dati personali per scopo di ricevere informazioni, offerte, risultati tecnologici e novità dalla Clinica Svjetlost: